Eroine del computer di sesso

Una pallottola spuntata - Discorso sul sesso

Tette e Video Sachs

To browse Academia. Skip to main content. You're using an out-of-date version of Internet Explorer. Log In Sign Up. Giulietta e Desdemona, eroine del nostro tempo. Eroine tragiche nel Rinascimento, Elisabetta Menetti. La provocazione è nota, ma vale la pena di rileggerla.

Racconta, poi, un apologo che serve a sorreggere la sua difesa delle donne e a dimostrare il tragico condizionamento sociale e culturale che le donne hanno dovuto subire nei secoli passati. Il racconto finisce tragicamente: la povera ragazza si ribella, tenta di seguire il fratello attore nei teatri ma, ovviamente, viene cacciata e derisa. Inoltre, nel ricor- 1 V. Woolf, Una stanza tutta per sé, in Virginia Woolf.

Romanzi eroine del computer di sesso altro, a cura di S. Perosa, I Meridiani, Milano, Mondadori,p. Nella realtà … veniva rinchiusa, picchiata e maltrattata nella sua stanza3. Ma nella real- tà resta chiusa in una stanza, in cui consuma solitudine e malinconia.

Que- sta immagine si sovrappone perfettamente ai nostri testi novellistici almeno sotto due aspetti fondamentali: la varietà delle figure femminili e la camera, luogo in cui le donne vivono rinchiuse. Proemio, 10 Boccaccio individua bene lo spazio domestico, ristretto e claustrofobico, in cui prendono vita le fantasie ma anche le angosce delle sue donne malin- coniche, alle quali si rivolge affinché guardino al proprio destino attraverso i suoi racconti, inaugurando sotto una prospettiva nuova, collettiva e condivisa quel principio di rispecchiamento pedagogico e consolatorio del lettore nella letteratura, che Agostino prima e Petrarca poi avevano legato soprattutto a una meditazione solitaria, silenziosa e interiore4.

Ma come non ricordare, a questo punto, Christine de Pizan, una luminosa eccezione, che racchiude il mistero della condizione femminile nei secoli passati? Nella sua stanza — che chiama cella, cele ma anche studio, estude — si rifugia prima di tutto per studiare i filo- 2 M.

Bandello, Novelle I, La prima traduzione in francese è di Belleforest, seguita da quella di Painter in inglese nel Millon, Giulietta, come vedremo, passerà dalla camera alla tomba, Desdemona morirà sul letto coniugale. Veniamo, dunque, alle due sfortunate donne della finzione novellistica italiana che, grazie a Shakespeare, sono diventate due personaggi-simbolo della letteratura europea. La loro storia ha suscitato, e suscita ancora oggi, una certa empatia nelle lettrici e nei lettori, al punto da rendere assoluto, direi quasi a-storico, un nucleo drammatico: quello della figlia che si eroine del computer di sesso con il padre.

La fortuna delle due tragedie di Shakespeare, anche nelle molte versioni cinematografiche, ci dice che si tratta di un nucleo drammatico perfetto che il drammaturgo inglese ha reso unico ed esemplare ma che, come sappiamo, era stato messo a punto dai narratori italiani del Rinascimento, a partire dalle sue origini medievali.

La tragedia noir di Othello ha come ipotesto gli 5 C. Caraffi, Roma, Carocci,pp. Painter The Palace of Pleasure e primo e secondo tomo. Su queste traduzioni è di riferimento: L. La novella italiana in Inghilterra: politica e poetica della traduzione, Torino, Accademia University Press, Nella circolazione europea delle novelle tragiche bandelliane, come è noto, sono fondamentali le traduzioni francesi, le Histoires Tragiques a opera di François de Belleforest e Pierre Boaistuau nella seconda metà del Cinquecento.

Autore di due volumi di Histoires prodigieuses e dedicate a Elisabetta I, tradusse eroine del computer di sesso novelle di Bandello tra cui quella di Romeo e Giulietta, nel volume Histoires tragiques extraites des oeuvres italiennes de Bandel, et mises en nostre langue françoise par Pierre Boaistuau Perouse, Nouvelles françaises du XVI siècle.

Images de la vie du temps, Genève, Droz, ; L. Fiorato e J. Margolin, Agen, Centre Eroine del computer di sesso Bandello, Giraldi Cinzio e Shakespeare, in I novellieri italiani e la loro presenza nella cultura europea: eroine del computer di sesso e palinsesti rinascimentali, eroine del computer di sesso cura di G.

Carrascón e C. Simbolotti, Torino, Academia University Eroine del computer di sesso,pp. Tra i molti fili intrecciati di queste due storie novellistiche, portate in sce- na da Shakespeare, seguiremo in particolare quello che racconta la condizio- 10 Eroine del computer di sesso studi storici di Adriana Valerio ed Eva Cantarella sono stati di ispirazione per questo saggio, e in particolare A.

Valerio, Le ribelli di Dio. Donne e Bibbia tra mito e storia, Milano, Feltrinelli, ; Ead. Giuditta, Chiara e le altre, Bari, Laterza,ed E.

Cantarella, Come uccidere il padre. Genitori e figli da Roma a oggi, Milano, Feltrinelli, Si vedano tra i primi studi in questa direzione, i saggi raccolti nel volume curato da A. Rochon: Images de la femme dans la littérature italienne de la Renaissance.

Préjugés misogynes et aspirations nouvelles Castiglione, Piccolomini, BandelloParis, Université de la Sorbonne nouvelle, Fa il punto della situazione con una focalizzazione sulla figura della donna in Boccaccio e nelle tragedie di Giraldi Cinzio I.

Romera Pintor, eroine del computer di sesso quale rimando anche per la bibliografia più recente: …De cuando en cuando un beso y un nombre de mujer…: el teatro de Giraldi Cinzio, in La mujer: eroine del computer di sesso los bastidores al proscenio en el teatro del siglo XVI, a cura di I. Romera Pintor e J.

Lluís Sirera, Universitat de València, València,in particolare alle pp. Disobedient wretch! Per questi padri le loro figlie ribelli sono già morte, e in effetti moriranno entrambe tragica- mente. È la fiaba di Pinto Smauto di G. Basile Lo cunto de li cunti Bertazzoli e C.

Gibellini, Firenze, Franco Cesati, Importante il saggio di C. Maestri e L. Si veda, inoltre, il recentissimo saggio di L. Questioni, metodi, percorsi, a cura di E. Gregori, Padova, Cluep,pp. Giulietta e Desdemona, eroine del nostro tempo essere oneste, obbedire al padre, amare in modo moderato e non sconsidera- tamente passionale al di fuori degli accordi di famiglia. Il ragionamento di Giraldi Cinzio non potrebbe essere più lineare nella sua spietata moralità eroine del computer di sesso che, tuttavia, appartiene anche alle radi- ci più profonde del pensiero filosofico europeo.

Villari Roma, Salerno Editrice,p. Cabrini e A. Velli, Memoria, in Lessico critico decameroniano, a cura di R. Bragantini e P. Forni, Torino, Bollati Boringhieri,è ritornata recentemente con nuove riflessioni L. Battaglia Ricci, Scrivere un libro di novelle.

Giovanni Boccaccio autore, lettore, eroine del computer di sesso, Ravenna, Longo,pp. Tra gli scrittori del Rinascimento emergono le eroine del computer di sesso della socie- tà cortigiana e umanistica che alla celebrazione della saggezza femminile si vedano Ariosto o Castiglione, e persino Bandello alternava severe condanne morali e trattati misogini Di questo lungo racconto al femminile, Giulietta e Desdemona sono le assolute protagoniste, tanto che, ancora oggi, entram- be rappresentano la triste condizione esistenziale della donna innamorata, infelice e indifesa Carapezza, Corone di spine.

Per un approfondimento della invettiva contro le donne da Giovenale agli scrittori del Seicento rimando al recente saggio di P. Crimi e C. Spila, Roma TrE-Press, Interessanti le declinazioni femminili nei poemi cavallereschi; si veda su questo D. Tipologie e percorsi della novella da Boccaccio a Bandello, a cura di M. Alfano, Nelle maglie della voce. Carapezza, Novelle e novellieri. Mi premetto di rinviare al mio La realtà come invenzione. Forme e storia della novella italiana, Milano, Franco Angeli, Recentemente di R.

Bragantini, Il governo del comico. Casadei, M. Ciccuto, G. Giulietta e Desdemona, eroine del nostro tempo moda tra gli umanisti, della passione amorosa non governata dalla ragione, che conduce a morte sicura i giovani e infelici amanti Le due giovani donne, infatti, portano sulla scena letteraria europea una tensione morale onestà contro disonestà che diventa una tensione famiglia- re, e persino politica.

Sono donne oneste ma diventano disoneste quando si ribellano alla volontà paterna e materna. Brabanzio e il Principe Capuleti insultano le loro figlie perché entrambe hanno infranto una legge fonda- mentale che regola i rapporti famigliari: la legge del padre, cioè la loro legge. E il padre? Messer Antonio Cappelletti di Bandello diventerà il Principe Capuleti di Shakespeare, forse con una dose in più di collera da palcoscenico.

Giulietta resta folgorata dalle parole del padre ma subito dopo cerca la soluzione, eroine del computer di sesso fuga. Unico nome proprio della novella, Disdemona attrae su di sé il conflitto con il padre ma anche con lo straniero e il barbaro, il moro di cui alla fine ha paura. Casagrande e S.