Schiava sessuale in una gabbia

SMASH OR PASS

Sesso con ragazze in collant e tacchi

Questo schiava sessuale in una gabbia di maria è stato letto 1 3 9 1 2 volte. La schiava amica Scritto da mariailgenere dominazione Tutte da ragazze e anche dopo abbiamo una migliore amica, un amica che ci è sempre accanto e che non ci lascerebbe mai. Come già detto ci conoscevamo da una vita, io sono sempre stata lesbica e amante della sottomissione, segreto che non ho mai rivelato schiava sessuale in una gabbia nessuno, nemmeno a lei.

Due tre o anche più mesi dopo quel giorno, era un giorno come tanti ed ero a casa sua visto che si scocciava di stare da sola quel giorno sia i suoi che sua sorella erano usciti. Il tempo lo passavamo come tutti i giorni finché d'improvviso si avvicina a un cassetto e ne prende qualcosa da dentro.

Ovviamente non ci faccio caso più di tanto, poi si avvicina a me e mi dice lo dice con un tono giocoso e io senza pensarci due volte mi alzai.

Mi girai di botto e gli urlailei per un attimo si stupisce e un attimo dopo mi mette con calma un dito sulle labbra e mi dice. Rimango impietrita e dopo qualche interminabile secondo chino la testa e rispondo con tono basso e da cagna bastonata, schiava sessuale in una gabbia sto pensando intensamente schiava sessuale in una gabbia che a momenti si sentiva anche fuori.

Senza pensarci due volte mi da uno strattone e mi butta sul letto, qui mi toglie scarpe, calzini e pantaloni; poi mentre stava per togliermi le mutandine il suo occhio cade su una matita che stava li vicino e prima di sfilarmele la prende e con la parte piatta mi ci fa pressione sulla figa sfoderando un sorrisetto malizioso. Per un attimo ho sentito un brivido di piacere tanto intenso che mi ha fatto pisciare sotto nel vero senso della parola, tanto da bagnare completamente le mutande di urina.

La mia amica appena le vede mi dice e poi me le sfila. Si avvicina poi di nuovo al cassetto e ci estrae un altro paio di manette che mi mette stavolta alle caviglie e contemporaneamente mi toglie quelle ai polsi. Normalmente una frase del genere ci avrebbe fatto ridere per ore e ore ma non in quelle condizioni, lei era seria e schiava sessuale in una gabbia conseguenza anch'io. Fatto questo prende le mutandine che prima mi ero tolta e con forza me le mette in bocca e poi me la chiude col nastro adesivo, faccio qualche mugugno per protesta ma lei non ci fa schiava sessuale in una gabbia più di tanto, cercavo in ogni modo di evitare di leccarla ma era in bocca e quindi era inevitabile.

Quindi sempre dal solito cassetto prende due dildi in gomma, fu in quel momento che volevo dire per poi schiava sessuale in una gabbia di avere la bocca tappata, intanto mi stavo dimenando a più non posso, ero vergine e lei lo sapeva, ero spaventatissima se non terrorizzata all'idea di prendere dentro quei cosi. Ero nuda e rotolavo contro le sue gambe in segno di protesta, lei come mi risposta si tolse la pantofola e schiaccio col piede la mia testa al pavimento dicendo. Ero spaventata, non era più lei, ma allo stesso tempo quella frase mi fece eccitare come non mai.

Mentre mi vede piangere non fa a meno di fare qualche risatina ironica. Mi trascina quindi di peso fino al salotto, si avvia in camera sua e torna con delle specie di cinghie che hanno alle estremità delle catene e mi avvicina al camino.

Mi prende per un piede e me lo lega al camino con la cinghia, mi leva poi le manette ai piedi. Approfitto di questo momento per dimenare a più non posso il piede ma come risposta ho solo un pugno sulla figa che spinge ancora più dentro il dildo. Mi prende dunque il piede lasciato libero e lo divarica fino all'altro lato del camino dove me lo schiava sessuale in una gabbia. Stesso procedimento lo fa con le braccia, sono legata distesa al suo camino, mi domandavo cosa volesse fare di peggio.

Non ci vedevo più, cercavo di fare di tutto per non far venire bene le foto ma non potevo, mugolavo, mi dimenavo, chiudevo gli occhi ma non potevo nulla. Dopo averle fatte mi dice :quindi mi spiega come è venuta a conoscenza del mio "segreto" e come a lei e sua sorella appassioni invece la dominazione.

Mi toglie poi il nastro adesivo e la mutanda dalla bocca e mentre sto per proferire parola mi da un lungo bacio interminabile, subito dopo il bacio mi rimette la mutandina e lo scotch senza che io potessi far nulla. Dopo schiava sessuale in una gabbia la vedo tutta allegra avvicinare il divano al camino e sedersi tutta comoda poggiando i piedi sulle mia figa, fatto questo accende le TV e comincia con le dita dei piedi a giocare con il dildo incurante dei miei mugugni di dolore.

Non appena entra in soggiorno noto il suo piccolo stupore nel vedermi e dice alla sorella :. Detto questo si avvia nella sua camera per svestirsi schiava sessuale in una gabbia la mia "migliore amica" mi slega dal camino per mettermi di nuovo le manette e un guinzaglio; quindi mi da un calcio e mi fa mettere a cavalcioni a terra, si siede sulla mia schiena e raggiungiamo la camera della sorella.

Qui ci accoglie la sorella in pigiama che passa una buona mezz'oretta a parlare di come e stupita e a toccarmi dappertutto per vedere come reagisco. Dopo aver soddisfatto le loro fantasie mi portano di nuovo in salone e mentre la mia amichetta si stende sul divano e si fa leccare la figa la sorella va in cantina.

Questione di 10 minuti che torna con una gabbia delle dimensioni di un schiava sessuale in una gabbia e altri due dildi. Per prima cosa mi ritappano e mi tolgono i dildi che avevo prima e prima ancora che la mia figa e il mio ano possano respirare mi inseriscono gli altri due per poi infilarmi in quella strettissima gabbia senza nemmeno aver premura di togliermi le manette.

Chiusa la gabbia sento ancora di più i dildi vista la posizione, ma è solo questione di secondi prima che scopro che in realtà sono vibratori telecomandati. Cerco di dimenarmi, di urlare, di reagire ma ormai non ne sono più in grado, non mi rimane che restare li chiusa a soffrire schiava sessuale in una gabbia i miei che chiameranno visto l'imminente orario di cena.

Quando arriva la chiamata tanto attesa tra sofferenze e dolori risponde lei e in un attimo trasforma un sogno in un incubo. Avvisando i miei che sia i suoi genitori che sua sorella non sarebbero tornati prima di domani mattina li avvisa che io sarei rimasta a dormire li per farla compagnia, la cosa succedeva spesso, quindi i miei penso non si fecero più problemi del dovuto.

Ero schiava sessuale in una gabbia panico non avrei mai resistito tanto Proseguendo la navigazione ne accetti l'utilizzo.