Il sesso come il suo deliquio a letto

Come Capire Se Vuol Fare Sesso Con Te, Fare L'Amore, Venire A Letto Con Te

Sesso con la vibrazione

Arrivai sotto casa che il sesso come il suo deliquio a letto già buio. Trovai il nome sul citofono e bussai. Si intuiva, sotto i vestiti, una costituzione piena, appena abbondante per tutti e due, quelle corporature che senza essere grasse sono soffici e polpose.

Ovviamente guardavo lei e cercavo di intuire come potesse essere nuda. Per tutto il viaggio in macchina avevo fantasticato, e mi ero masturbato pensando al il sesso come il suo deliquio a letto corpo ed a quello che le avrei fatto, ma ero stato attento a il sesso come il suo deliquio a letto venire, non volevo sprecare nulla. La porca mi stava già mangiando con gli occhi, ma teneva a freno il sesso come il suo deliquio a letto sua natura libidinosa e recitava la sua parte perfettamente.

Dove andiamo? Sorridevano ed io rimasi a guardarla, per studiare quel corpo che ormai ero certi avrei posseduto a lungo ed in ogni modo avessi voluto. Aveva un bel viso aperto, occhi svelti da lupa, un bel sorriso furbo e le labbra tese, vogliose. Sotto un collo sottile, due belle spalle piene e rotonde facevano da sfondo alle mammelle, forti e sode, ben sostenute con un capezzolo scuro centrato ed in armonia con le masse carnose. In mezzo un ampio solco le delineava, ma la loro pienezza ed abbondanza permetteva senza dubbio di accostarle per godere del loro massaggio.

Non si poteva definirla nè magra nè grassa, aveva un ventre rotondo senza che fosse una vera pancia, ma bello, sofficemente arrotondato, sotto il quale la pelliccia triangolare del pube, nascondeva i suoi tesori. Fianchi forti, da monta e cosce forti e carnose, appena appesantite completavano un corpo che nella sua pienezza era bello ed armonioso, trasmetteva forza e dolcezza, ed un presagio di goduriose ed intense cavalcate.

La feci stendere sul divano ed iniziai la mia visita, mentre suo marito si sedette in poltrona osservando avidamente la scena. Ma quando lo fa sente qualcosa? Il clitoride spuntava appena da un ricco cappuccio di carne paonazza per il piacere tanto trattenuto, e le piccole labbra, fuoriuscivano dalle grandi, come ali di farfalla tra le quali un filo continuo di succhi vischiosi colava verso le pieghe segrete del suo buchetto. Dopo 10 minuti buoni, ne approfittai alla grande, le dissi che ero pronto e dopo aver messo un profilattico, le affondai dentro, nella stessa posizione del marito.

La feci girare prona, sulle ginocchia e sulle braccia e massaggiandola con le mani la masturbai a lungo mentre per gravità e per le contrazioni che le mie carezze inducevano i liquidi seminali ed i suoi abbondanti secreti colarono lentamente sulle cosce e sul pube inzuppandole il vello. Standole in piedi dietro la infilai nuovamente, ritrovando questa volta la compattezza soda e stringente che avevo apprezzato con le dita.

Con la mano raccolsi lo sperma e i succhi che le colavano abbondantemente sul pube e lo spalmai su quel biocciolo dorato, facendola gemere e contorcere. Era evidente che lei aveva spinto internamente e che conosceva a perfezione le manovre per aprire quella porta segreta e affondai dolcemente e con decisione fino alla base. Il suo ansimare divenne roco ed assorto e le sue contrazioni che avvertivo sul pene e sulle dita mi dissero, più chiaramente di mille parole che la sua inarrestabile marcia verso un travolgente orgasmo era iniziata.

Se ve la sentite, sarebbe il caso di riprovare voi due. Se mi blocco mi darà una mano? Ormai avevo un piano deciso e un solo grande desiderio da realizzare. Accompagno questa supplica con un movimento della schiena che protese il sedere in alto ed in fuori, con le reni inarcate in un muto eloquente invito. Il suo accesso posteriore, rigonfio ed umido era stirato verso il basso dalla penetrazione del marito e non potei attendere oltre. Mi ero sfilato il preservativo usato prima, ma non ne il sesso come il suo deliquio a letto un altro la volevo sentire a pelle e senza indugiare le appoggiai la punta del glande, ancora scivoloso del mio sperma, allo sfintere lucido e ben lubrificato.

Ancora una volta le sue spinte interne mi spalancarono lo stretto passaggio e sprofondai dentro di lei con tutto il glande. Quando ci riprendemmo, dopo molti minuti passati ad ansimare e farci dolci carezze di tenerezza, mi recai in bagno per lavarmi e prepararmi a tornare a casa. Il sesso come il suo deliquio a letto mio ritorno in sala lui era ancora seduto sul divano mentre sua moglie aveva indossato una vestaglia che restava negligentemente aperta sul seno e sul pelo pubico intriso di umori e scintillante.

Si guardarono in faccia come folgorati — onorario, cosa vuole questo dei soldi? Ora che non si sentiva protetta dal gioco di ruolo, quello non era un test medico ma un vero atto sessuale, davanti a suo marito, con un altro uomo, come pagamento in natura.

La forza simbolica del gesto, che rappresentava il confine non ancora valicato tra un gioco perverso e la manifestazione aperta ed incontestabile della sua natura erotica sfrenata e senza limiti, la bloccava.

La sua lingua fece capolino dalle labbra socchiuse e prese a leccare il glande con tocchi lievi e caldi facendosi via via più insistente ed avvolgente fino a risucchiare tutta la cappella rigonfia dentro la bocca e iniziare un lento frullio rotatorio di lingua.

Le appoggiai le mani sul capo dolcemente e senza forzarla la guidai il sesso come il suo deliquio a letto un movimento di profonda penetrazione, penetrandola in bocca con dolcezza e ritmo crescente. Volli essere generoso, mi rimisi velocemente il membro nei pantaloni e la spinsi giù carponi sollevandole la vestaglia sul sedere profferto. Risalii in auto e lentamente guidai verso casa: — ci rivedremo — pensai- ne sono sicuro. Sito web. Ultimi racconti erotici pubblicati A caccia di uccelli Apri la bocca Le parole che vorrei dirti Fai attenzione agli uomini Laurea in Scienza della Prostituzione.

Share Facebook Twitter Pinterest. La letteratura erotica ha sempre il suo fascino perché siamo noi a immaginare e a vivere, seduti su una comoda poltrona o a letto, le esperienze e le storie raccontate qui, Vivi le tue fantasie nei miei racconti, i miei personaggi sono i tuoi compagni d'avventura erotica. Buona lettura. Racconto precedente Nuovi punti di vista. Racconto successivo In ospedale con Samantha. Lascia un commento Annulla risposta Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento Nome Email Sito web. I più bei racconti erotici: www. Siamo online dal info erzulia.