Storie di sesso in sauna

Preti in saune gay, richieste di sesso sfrenato, la loro doppia vita...

Che come luomo a Sax

Ero infreddolito ed una sauna era esattamente quello che mi ci voleva. Di fronte vidi un locale per doccia parzialmente chiuso da una tenda di plastica, entrai e vidi che era una doccia a più posti. Aprii uno dei rubinetti e mi feci una rapida doccia, quindi uscii di nuovo storie di sesso in sauna corridoio. Fatti altri due metri, mi trovai in una saletta con divani e poltrone foderati di similpelle; in un angolo, un tavolino con delle riviste. Faceva molto calda, stesi il mio lenzuolo da bagno, e mi sdraiai nudo sulla panca più alta.

Lui non sembrava badare a me, e non cercava di nascondere il suo sesso, che ora era ostentatamente eretto. Uscii dalla vasca e dopo essermi asciugato decisi di andare a fare un giro nella dark room. Nella vicinanza vi era una sala dove venivano proiettati films porno logicamente gay. Decisi di sdraiarmi stendendo il mio asciugamano in uno degli enormi tavolati che vi erano, nella speranza che arrivasse qualcuno.

Forse lui non mi vedeva ancora bene, ma io notai che aveva una grossa erezione. Fingevo indifferenza, ma li guardavo di sottecchi. Si abbracciarono e si baciarono per alcuni minuti, toccandosi ed accarezzandosi, senza assolutamente badare a me, che ora mi storie di sesso in sauna sollevato e guardavo la scena eccitato.

Sei storie di sesso in sauna, mi stai riempiendo tutto, mi sento una puttana. Era una scena sconvolgente. Sentii una mano che mi sfiorava una coscia: lasciai fare! Fu in quel momento che sentii il gemito di godimento del giovane che, accanto a noi, stava sodomizzando il suo amante. A questo punto non potevo più fingere di non aver notato i suoi movimenti, e, vincendo il turbamento che si era impossessato di me, lo sfiorai a mia volta.

Quasi che ad agire non fossi io, ma un altro fuori di me, impugnai il suo, che era molto grosso, e risposi:. Mi piaceva sentire quel grosso cazzo che mi penetrava in gola, sentire i suoi umori e la sua grossa cappella nella mia bocca, mi stava dando delle sensazioni mai provate. Mi accorsi che stava per godere e lo trattenni, per timore che uscisse dalla mia bocca, lui spinse e godette con un gemito, riempiendomi la bocca di sperma acre e denso. Al colmo della libidine, inghiottii tutto.

Ero sconcertato. Avevo assistito storie di sesso in sauna una sodomizzazione che mi aveva eccitato moltissimo, ero stato storie di sesso in sauna di fellazione e, a mia volta avevo fatto godere un uomo con la bocca, ma ero rimasto insoddisfatto. Andai a sdraiarmi sulla panca più alta, già occupata per metà da un uomo di forse quaranta anni, che aveva i piedi rivolti verso di me.

La panca era abbastanza lunga, ma i miei piedi sfioravano i suoi. Mi guardai attorno e notai, sotto di me, sulla panca mediana, un uomo sdraiato che faceva penzolare il braccio verso la panca sottostante, dove stava seduto il ragazzo giovane, sfiorandogli, a tratti, come casualmente, la coscia.

Ero eccitatissimo ed avevo voglia di godere. Dapprima pensai che si trattasse di un caso ma, poiché il fatto si ripetè più volte, reagii sfiorando il suo piede a mia volta. Ora ci stavamo apertamente toccando vicendevolmente i piedi.

Andammo nella sala illuminata; ci sedemmo sul divano, fasciandoci i fianchi con il lenzuolo, e ci presentammo: si chiamava Marco. Mi chiese se era la prima volta che venivo in quella sauna, ed io risposi affermativamente. Poi, a mia volta, gli chiesi se quella fosse una delle saune migliori di Milano e lui mi rispose affermativamente. Ci sdraiammo vicini e, subito, presero a baciarsi sulla bocca e ad accarezzarsi.

Fu a quel punto che mi sentii toccare dietro; mi voltai e vidi il giovane ragazzo, che avevo visto nella sauna, che mi stava accarezzando le natiche. Allungai una mano e sentii il suo bastone durissimo, anche se non enorme. Desideravo essere penetrato e sporsi il sedere verso di lui, rimanendo su di un fianco. Intanto avevo ripreso il pompino a Marco che, a sua volta stava succhiando il suo amico. Era una situazione oltremodo eccitante, non avrei mai pensato di provare tante sensazioni contemporaneamente!

Era una sensazione meravigliosa: avrei voluto che storie di sesso in sauna finisse mai; finalmente mi pareva di essere una donna posseduta da un maschio. Mentre mi inculava, il ragazzo mi masturbava dolcemente, storie di sesso in sauna io continuavo il mio pompino. Il giovane godette nelle mie viscere, ed io lo seguii con un getto di sperma nella bocca di Marco. Sito storie di sesso in sauna.

Ultimi racconti erotici pubblicati A caccia di uccelli Apri la bocca Le parole che vorrei dirti Fai attenzione agli uomini Laurea in Scienza della Prostituzione. Share Facebook Twitter Pinterest. Scrivo racconti erotici storie di sesso in sauna hobby, perché mi piace.

Perché quando scrivo mi sento in un'altra domensione. Arriva all'improvviso una carica incredibile da scaricare sulla tastiera.

Racconto successivo Ricordi di scuola. Lascia un commento Annulla risposta Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. Commento Nome Email Sito web. I più bei racconti erotici: www. Siamo online dal info erzulia.