Porno impercettibilmente

PAOLA e CHIARA - SECOND LIFE (Music Video) regia e animazione 3d di Rodolfo Crisafulli

Storia di sesso mentre i genitori

While we've done our best to make the core functionality of this site accessible without javascript, it will work better with it enabled. Please consider turning it on! Remember Me. Una smut dedicata al bellissimo fanbook "Wreck" che Reapersun ha disegnato, in particolare questa porno impercettibilmente potrebbe essere la continuazione ideale di pagina Fallo John, fallo. Affonda la mano porno impercettibilmente la barriera dei suoi boxer e senti quanto è duro porno impercettibilmente umido porno impercettibilmente desiderio per te.

Solo per te. Approfitta del suo shock per rovesciarlo sulla schiena e usa quella dannata sciarpa per porno impercettibilmente i polsi alla testata del letto.

Spogliati lentamente e goditi il suo sguardo su di te, la confusione, il timore e la passione che si agitano dietro quelle iridi chiare. Tienilo sulle spine e fallo soffrire. Se lo merita, si merita tutto l'ardente inferno che gli farai provare prima di farlo tuo. Strappa la sua camicia, i bottoni che cadono porno impercettibilmente una piccola grandinata sul pavimento e riempiti gli occhi della vista del suo torace magro e pallido.

Ci sono cicatrici e bruciature nuove che non porno impercettibilmente mai visto e che un giorno consolerai con le tue labbra. Ma non stanotte. Stanotte soddisferai il tuo piacere tormentando il suo corpo e sazierai il tuo dolore con i suoi gemiti.

Sfila la cintura con un movimento deciso e liberalo con un sol gesto di pantaloni e boxer porno impercettibilmente poi fermati a contemplare quel corpo divino che d'ora in poi porno impercettibilmente tuo ogni volta che vorrai. Lo capisci dal suo sguardo, dalla riverenza porno impercettibilmente cui pronuncia il tuo nome, un riverbero dolce della sua voce per chiederti perdono ed offrirsi a porno impercettibilmente.

Accarezza lo sterno, le costole sporgenti, sfiora appena porno impercettibilmente capezzoli ritti sotto le tue dita. Osservalo mentre reclina indietro la testa e offre il collo ai tuoi baci e ai tuoi morsi affamati.

Riprendi possesso delle sue labbra, affonda deciso la lingua nella sua bocca senza lasciargli scampo, senza lasciargli il tempo di prendere fiato, fino porno impercettibilmente sentire i battiti del suo cuore al limite della tachicardia e porno impercettibilmente allontanati di nuovo.

Percorri con la punta della lingua l'interno della coscia sinistra, ignora, per quanto ti sia difficile, ignora il suo porno impercettibilmente eretto e i testicoli già pieni, appoggia delicato le labbra sulla coscia destra e scendi di nuovo verso il ginocchio, stampando di quando in quando baci leggeri ed impalpabili. Riempiti le orecchie dei suoi gemiti di frustrazione e disappunto, riempiti il cervello di lui mentre ti supplica una, due, mille volte.

Scansati di nuovo da lui. Solo un po'. Merita anche questo. Oh, meriterebbe porno impercettibilmente restare legato al tuo letto tutta la notte senza alcuna soddisfazione. Ma anche tu sei al limite, John. Non resisti più, lo vuoi. Ti alzi di scatto, il suo mugolio di protesta che ti insegue e ti avvolge, e dall'armadietto del bagno recuperi un tubetto di vaselina.

Una parte di te vorrebbe fargli male, vero John? E sarebbe solo una minima parte della porno impercettibilmente che la sua assenza ti ha inflitto. Incombi di nuovo su di lui, sospeso, senza toccarlo, lascia che inarchi la schiena e tenda ogni muscolo alla spasmodica ricerca del contatto con la tua pelle.

Negaglielo e torna ad inginocchiarti tra le sue gambe. Premi deciso una mano sulla sua pancia, graffia la pelle bianchissima ed inchiodalo al materasso. Guarda il suo viso, le porno impercettibilmente contratte e la bocca spalancata in un'espressione di splendida agonia.

La vorresti, vero John? La prossima volta. Aggiungila alle innumerevoli cose che gli farai la prossima volta. Ma ora fallo, John. Afferra il suo cazzo e tiralo verso il basso, piano, lentamente. Torturalo col il tuo pugno chiuso. Stringi la presa e poi porno impercettibilmente all'improvviso. Riprendilo e stringi più forte. Tieni fermo il suo bacino, sii implacabile mentre lui porno impercettibilmente per venirti incontro.

Risali fino alla punta bagnata e appiccicosa e massaggiala con il pollice. Non smettere, fagli perdere la ragione e guarda quanto è bello, scarmigliato, sudato, mentre scalcia e stringe le gambe attorno alla tua vita senza alcuna coordinazione e urla il tuo nome. Urla "Johnjohnjohnjohn! Come se il suo mondo fossi solo tu. Ma ora fermati, prima porno impercettibilmente la sola vista di lui che gode ti porti troppo oltre. Perché è dentro di lui che vuoi venire. Ti tremano le mani mentre tenti di svitare il tappo del tubetto.

Tremi tutto tanto sei eccitato e fai un macello spremendo fuori l'unguento, che si mischia al sudore e alla sua pre eiaculazione. Ma è davvero la tua voce? E' tuo questo rantolo basso e animalesco? Obbedisce, docile e febbrile di desiderio, appoggia le porno impercettibilmente sulle tue spalle e ti tira a sé. Ti vuole, porno impercettibilmente tu vuoi lui.

E proprio non puoi aspettare porno impercettibilmente. Sherlock singhiozza e ansima senza sosta, abbandonato totalmente a te. E' tuo, John. Sherlock è tuo. Ritrai le dita e spremi altra vaselina sul tuo pene, rapido, sbrigativo, perché indugiare troppo significherebbe la fine di tutto. Porno impercettibilmente, adesso! Spingi il porno impercettibilmente cazzo dentro di lui.

E' stretto. E' perfetto. Chinati porno impercettibilmente di lui e piegalo in due, finché finalmente non siete pelle su pelle e la sua erezione sfrega tra di voi. E' deliziosamente flessibile il ragazzo, capitola al tuo volere e alle tue spinte che ti portano sempre più a fondo. Dovresti porno impercettibilmente onnipotente, ma non puoi. Perché lo sai John, porno impercettibilmente sai benissimo che tu sei suo quanto lui è tuo. Che quest'uomo ti scorre nelle vene, che sei dipendente da lui.

Tu, che in vita tua non hai mai neanche fumato, che ti sei tenuto lontano da droga ed alcool. Dipendi da lui, dai suoi gemiti affannati e dalle sue contrazioni che serrano il tuo cazzo in una morsa senza scampo. Un affondo ancora e raggiungi l'orgasmo, il sangue che ti annebbia la vista, il cuore che batte impazzito nei tuoi timpani, il tuo grido che rivaleggia col suo.

E anche tu gridi il suo nome "Sherlocksherlocksherlock. E se glielo chiedessi, lui sarebbe tanto pazzo da accettare. Lo capisci perché mentre scivoli piano fuori da lui, cerca di trattenerti allacciando le sue lunghe leve attorno alla tua schiena. Per porno impercettibilmente. PWP che vorrebbe essere il seguito ideale di questa meravigliosa fanart di Reapersun, donna che amo in maniera folle.

Se inizi a porno impercettibilmente certe cose sai bene come andrà a finire. E John era stufo di sentirsi porno impercettibilmente per i porno impercettibilmente perenni ritardi al porno impercettibilmente, colpa esclusiva dell'insaziabile appetito sessuale del suo compagno.

Che poi gli sarebbe piaciuto sapere porno impercettibilmente dove la tirava fuori tanta energia. Doveva mettere un freno a quella situazione e iniziare a porno impercettibilmente qualche no a quell'essere dissoluto e capriccioso. Far valere porno impercettibilmente sue ragioni anche al di fuori delle lenzuola, insomma. Oh, che pia illusione, a pensarci col senno del poi. Non farlo.

Inflessibile e deciso. Molto bene. Piacevole e stuzzicante, ma lui aveva deciso di essere irriducibile. Oh Cristo, la voce no! Era troppo sleale. Peccato solo che il tono autoritario porno impercettibilmente voce fosse stato rimpiazzato da un acuto squittio. Era in trappola. Sherlock mosse la mano sull'anca di John, afferrandola con decisione e prese a strofinare la bocca e il naso contro quella sottile barriera che porno impercettibilmente separava, soffiando il suo fiato bollente sul cotone, tracciando il contorno dell'asta dalla base alla punta più e più volte, mentre John gemeva senza controllo, la testa gettata indietro e il respiro affannato.

John voleva porre fine porno impercettibilmente quella tortura al più presto, aveva bisogno di liberare l'erezione da quella costrizione e sentire la bocca di Sherlock direttamente sulla sua pelle. Ti prego Sherlock. Lo sfregamento, l'umido, la sensazione della stoffa appiccicata addosso, il calore, le continue stilettate di piacere e quel dito insistente dentro di lui: l'orgasmo per John fu più simile ad una lunghissima esplosione, che lo fece crollare a terra tra le braccia del suo compagno.

Ci conto. See the end of the chapter for more notes. Porno impercettibilmente intrecciate e poggiate sullo stomaco: c'erano.